FONDI UE

Sostegno alla cogenerazione – edizione 2019

ll Fondo Nazionale Protezione Ambiente e Gestione delle Risorse Idriche come Istituzione di Implementazione dell’asse prioritario I- Riduzione delle emissioni dell’economia, per la quinta volta ha annunciato il reclutamento delle proposte da inviare nell’ambito della misura 1.6.1. Fonti di cogenerazione ad alto rendimento.

Il sostegno sarà diretto, tra l’altro agli imprenditori intenzionati a costruire nuove unità o potenziare la capacità (mediante ampliamenti o ricostruzione) delle unità di generazione di energia elettrica e calore esistenti, nella tecnologia di cogenerazione ad alto rendimento in unità di cogenerazione.

Nell’ambito dell’attuale reclutamento di proposte si potranno finanziare le seguenti spese ammissibili:

1. Acquisto di un modulo di cogenerazione con relativo impianto completo

Esempio di un modulo di cogenerazione

Il modulo di cogenerazione alimentato a gas genera contemporaneamente calore e corrente. La sua potenza è tarata in base alle esigenze del locale. Durante la generazione del calore, il modulo di cogenerazione coopera con la caldaia. Entrambi questi generatori di calore sono collegati insieme all’impianto di riscaldamento e riscaldano l’acqua di riscaldamento e l’acqua calda per uso sanitario. Da un lato, le unità modulari producono elettricità per le proprie esigenze e, d’altra parte, il calore che viene prodotto viene quasi completamente utilizzato per finalità di riscaldamento praticamente senza perdite. L’eccesso di elettricità prodotta viene ceduta alla rete pubblica, e se ne riceve una remunerazione da parte dell’operatore della rete. L’efficienza combinata del modulo di cogenerazione può arrivare fino al 95%.

2. I costi inerenti l’elaborazione della documentazione specialistica, relativa alla preparazione dell’avviamento dell’impianto (ad esempio lo studio di fattibilità, preventivo del costo dell’investitore, audit energetico)

3. Costi direttamente correlati all’investimento

La quota massima di cofinanziamento delle spese ammissibili a livello di progetto è determinata in base alle norme sugli aiuti dello Stato, tuttavia non oltre l’85%.

Le domande di cofinanziamento insieme allo studio di fattibilità e l’audit energetico dovranno essere inoltrate nel periodo fissato: dal 30 aprile 2019 al 28 giugno 2019.
Il budget previsto nell’ambito della Gara è stato fissato a 200 000 000,00 PLN dalle risorse del Fondo di Coesione, tra cui:
100 mln PLN – per fonti di energia rinnovabili
100 mln PLN – per tutte le altre fonti.

Autore: Barbara Chaczko, responsabile dell’ufficio progetti di Bosetti Global Consulting