BUSINESS FOCUS

Settore delle costruzioni – previsioni e sviluppo tecnologico

Come dovremmo costruire l’ambiente per affrontare le nuove sfide di oggi? La risposta è una sola per la gente e per l’ambiente: in modo sostenibile; utilizzando tecnologie e materiali avanzati che modernizzeranno il settore delle costruzioni e la nostra visione di questo settore.

La crescita delle imprese del settore delle costruzioni, nonostante le buone condizioni economiche, è ostacolata dall’aumento dei costi operativi – e dei prezzi dei materiali nonché salari dei dipendenti.
Nei prossimi quattro anni, la crescita delle imprese di costruzione nella regione settentrionale e nel sud dell’Europa sarà mediamente del 2,5% su scala annuale, mentre nell’Europa dell’est e centrale raggiungerà persino il 4,4%. – questo è quanto risulta dal report “European Construction Monitor 2017-2018: A looming new construction crisis ? (un incombente nuova crisi edilizia?)” preparato dalla società di consulenza Deloitte.

Materiali Ufficio stampa Made Expo

Edilizia e tecnologia
Il modo per affrontare le sfide e raggiungere una posizione di leadership è investire in nuove tecnologie che possano essere utilizzate in tutte le fasi della costruzione, dalla progettazione alla sua finalizzazione. Le aziende realizzano questi obiettivi in ​​due modi: investono in centri tecnologici interni (i c.d. hub tecnologici) o stringono partnership con istituzioni, ad esempio, istituti scientifici. Una parte di tecnologia che già viene utilizzata nelle costruzioni sono i droni, le stampanti 3D, Internet degli Oggetti (Internet of Things) o materiali intelligenti. Non solo il settore delle costruzioni è interessato alle tecnologie, ma anche le aziende del settore tecnologico iniziano a vedere una buona strategia di sviluppo nel settore delle costruzioni come ad esempio: Tesla, Google, etc.

Materiali Ufficio stampa Made Expo

Made Expo 2019- Build Smart
L’importanza della digitalizzazione nell’architettura e nel settore dell’edilizia era oggetto di discussione durante la nona edizione della fiera internazionale MADE expo 2019 che si è tenuta a Milano. L’interesse dei partecipanti alla piattaforma di incontri Build Smart, avente l’obiettivo di sperimentare e diffondere pratiche innovative, si era focalizzato su argomenti quali la stampa 3D, i droni, gli strumenti per misurare e controllare la realtà allargata (espansa), le tecnologie di gestione della costruzione, l’Industria 4.0. Particolare attenzione è stata dedicata ai metodi digitali per facilitare il lavoro degli architetti e ingegneri, come ad es.il software BIM, che in modo significativo ottimizza la pianificazione, la realizzazione e la gestione del cantiere.

Durante la fiera italiana, si è svolta una serie di conferenze e workshop relativi alla prototipazione e all’approfondimento delle conoscenze tecniche e normative nell’ambito delle soluzioni, materiali e tecnologie per la progettazione, la ricostruzione e la costruzione di edifici confortevoli, sicuri e sostenibili. L’attuale tendenza mondiale sono costruzioni responsabili e sostenibili, che tengano conto della rivitalizzazione delle città e soddisfacimento delle esigenze dei residenti, in armonia con l’ambiente naturale (concorso “Smart Living 5.0”, progetto “Manifesto for Building 4.0”).

Materiali Ufficio stampa Made Expo

Durante la fiera Made expo 2019, ben 900 aziende hanno presentato i loro prodotti in quattro segmenti: MADE Costruzioni e Materiali, MADE Involucro e Serramenti, MADE Interni e Finiture, MADE Software, Tecnologie e Servizi. La fiera è stata visitata da 90.000 persone, 180 designer, imprenditori da 20 paesi in tutto il mondo che partecipavano a riunioni B2B. Una forza importante tra le aziende che hanno partecipato all’evento era rappresentata dai marchi polacchi, che non competono solamente per i prezzi offerti, ma si distinguono in termini di qualità, tecnologia e design delle soluzioni che propongono. Vale la pena ricordare che la Polonia ha esportato prodotti di carpenteria/falegnameria per porte, nel 2016, per un importo complessivo di 1667,3 milioni di euro e detiene il 21,2% dell’intero export del settore in Europa.