BUSINESS EDU

L’impatto dell’elettromobilità sull’automotive in Polonia

La Polonia è la decima economia al mondo in termini di esportazioni di componentistica per automotive, il che si traduce in un 3,2% dell’intera esportazione in questa categoria. Metà delle esportazioni polacche è costituita da parti e accessori. Abbiamo nel nostro paese quasi 1000 produttori di componentistica automotive, che danno lavoro più di 147 mila persone. Come reagisce l’industria automobilistica polacca alle tendenze legate all’elettromobilità? L’argomento viene trattato nel report della Fondazione IMPACT intitolato: “I retroscena della rivoluzione. Come l’elettromobilità potrà cambiare il mercato dei fornitori del settore automobilistico”.

Nel 2017, il valore della produzione venduta dell’industria automobilistica polacca ammontava a 145,1 miliardi di PLN, di cui 84,3 miliardi di PLN solamente del settore di produzione di componentistica ed accessori per autoveicoli. Allo stesso tempo, la quota di produzione della componentistica è aumentata fino al 57% del valore dell’intera industria automobilistica.
Con l’avvento dell’era dell’elettromobilità, l’industria automobilistica dovrà affrontare grandi cambiamenti. In Polonia ci sono attualmente diversi stabilimenti di costruzione di motori a combustione. Il loro futuro è sempre più incerto. Una macchina con un classico motore a combustione è composta in media da più di 30.000 parti, di cui il 23 percento riguarda il motore. Confronto a questo un’auto elettrica è composta da 18 mila parti e il suo motore è molto più semplice da costruire. Il nuovo elemento centrale delle auto saranno le batterie, ovvero pile agli ioni di litio, che potranno pesare fino a diverse centinaia di chili. I componenti fisici della vettura costituiranno una quota sempre minore del suo valore. Diventerà invece sempre più importante il software di controllo del veicolo.

Gli esperti prevedono che cambierà il modello di funzionamento del settore e il modello del rispettivo business. Le quattro tendenze più importanti in questa evoluzione sono definite dalla sigla CASE che è l’abbreviazione dalle parole inglesi “connected” (connesso), “autonomous” (autonomo), “shared”(condiviso) ed “electric”(elettrico). I cambiamenti saranno quindi apportati dalle auto che saranno:
– connesse tra loro (scambio di dati con altri utenti della strada e infrastrutture stradali e che mantengono una comunicazione costante fra passeggeri e il mondo esterno),

– autonome (non richiedono l’intervento dell’uomo nella guida)

– condivise (il car-sharing dovrà ridurre radicalmente il costo del trasporto attraverso una gestione più efficiente della macchina)

– elettriche.

Il report della Impact Foundation contiene una serie di raccomandazioni per il governo e l’industria, come trasformare l’evoluzione verso l’elettromobilità in un’opportunità e non una minaccia. Vale la pena ricordare che l’industria automobilistica è oggi il settore col più rapido tasso di crescita dell’industria polacca e uno dei più settori tecnologicamente i più avanzati. L’utilizzo da parte dei produttori di soluzioni Industry 4.0 li aiuterà a migliorare la propria posizione competitiva e ad adattarsi alle aspettative dei clienti.

Save the date (Ricorda la data):
I rappresentanti del settore parleranno delle nuove tendenze e della rivoluzione della mobilità che sta accadendo sotto i nostri occhi alla conferenza organizzata dalla Impact Foundation a Katowice nei giorni
9-10 . 10.2019.

L’intero report in lingua polacca è scaricabile qui.

Fonte: Forsal.pl, Impact Foundation “rEVolucja za kulisami. Come l’elettromobilità cambierà il mercato dei fornitori del settore automobilistico ” preparato su commissione per la Impact Foundation, organizzatore della conferenza Impact Mobility Revolution 2019