FISCALITÀ

La Commissione Europea punta su una rapida introduzione del CCCTB (Base Imponibile Consolidata Comune)

La base imponibile consolidata comune di persone giuridiche (CCCTB) è un progetto prioritario della Commissione Europea. Questo nuovo strumento ha per scopo combattere l’evasione fiscale da parte delle imprese ed essere obbligatorio per le più grandi multinazionali.

La premessa su cui si basa il progetto è di unificare i principi di liquidazione dell’imposta IRPEG in tutti i paesi membri dell’Unione Europea. Le aliquote fiscali rimarranno per ora di competenza delle autorità nei rispettivi Stati dell’Unione.

Le modifiche hanno lo scopo di evitare che le multinazionali utilizzino, ove possibile, delle scappatoie fiscali. La Commissione Europea intende raggiungere questo obiettivo attraverso l’introduzione delle stesse regole per il calcolo della base imponibile, per la liquidazione delle perdite fiscali o per l’aggiudicazione di spese come costo fiscale.

La nuova formula della CCCTB sarebbe obbligatoria per le grossa multinazionali, i cui i ricavi superano globalmente 750 milioni di euro all’anno. Se una società opera in tre paesi dell’UE, e in due di loro raggiunge dei profitti, mentre nel terzo subisce perdite, dopo l’introduzione della CCCTB, la stessa società presenterà una sola dichiarazione dei redditi anziché tre, in uno (qualsiasi) dei tre paesi in cui opera. Potrà quindi sommare i suoi profitti, sottrarre le perdite e, sulla base di prescrizioni comuni, definire gli importi delle esenzioni e detrazioni fiscali, il che permetterà di determinare una sola – consolidata – base imponibile, e su quella base pagare l’IRPEG.

Le imposte provenienti da tali soggetti finirebbero nel budget comune dell’ U.E. e, successivamente, verrebbero ridistribuiti tra gli Stati membri in base dei criteri rigorosamente definiti.

Autore: Adriana Zobniów, Bosetti Global Consulting