FISCALITÀ

Ammortamento dell’autovettura –aggiornamenti del 2019

Il Ministro delle Finanze sta preparando chiarimenti riguardo alle autovetture per il loro ammortamento che saranno pubblicati molto probabilmente entro i prossimi giorni.

La domanda è – verrà mantenuta la coerenza nell’interpretazione delle disposizioni?

I chiarimenti del Ministero delle Finanze si riferiranno ai nuovi regolamenti introdotti dalla legge di modifica delle leggi sull’IRPEF, IRPEG, sull’Ordinamento fiscale e di alcune altre leggi, del 23 ottobre 2018. Si tratta principalmente del dubbio che ci possano essere delle ricadute fiscali sui contribuenti per l’uso delle autovetture nella conduzione delle proprie attività imprenditoriali. Le spiegazioni dovrebbero riguardare, tra l’altro, l’ammortamento di autovetture acquistate e iscritte nel registro delle immobilizzazioni prima del 2019, anno rispetto al quale si continua ad accantonare i mezzi a titolo di ammortamento.
Gli esperti suggeriscono che il Ministero delle Finanze indichi in modo diretto che i nuovi, maggiori, limiti riguardanti gli ammortamenti concernenti le autovetture si applicano non solamente alle macchine acquistate e registrate nel registro dei cespiti dopo il 31 dicembre 2018 ma anche ai casi di macchine acquistate e inserite nei registri delle immobilizzazioni e ancora non completamente ammortizzate prima del 1 gennaio 2019.

Il Ministero delle Finanze potrebbe anche mettere in evidenza il fatto che i contribuenti aventi per oggetto delle proprie attività la cessione a pagamento di autovetture, in base a contratti di leasing, noleggio o altro contratto di simili caratteristiche hanno anch’essi il diritto al pieno ammortamento delle macchine noleggiate/date in leasing, e acquistate, inserite nel registro dei cespiti e non completamente ammortizzati prima del 1 gennaio 2019.

Autore: Adriana Zobniów, Capo Contabile presso la Bosetti Global Consulting